celio1

Uno dei Sette Colli dell’antica Roma è conosciuto come Celio. Fino al 1870 (Unità d’Italia) nel quartiere emergevano complessi ecclesiastici tra vigne e orti. La Basilica di S. Clemente (il Mitreo) e de’ Santi Quattro Coronati (Presidio Scipioni), S. Stefano Rotondo (Macellum), la Villa Celimontana, il Ninfeo di Nerone, l’acquedotto Claudio e altre varie rovine di epoca romana e medioevale. Il Celio confina col Colosseo da una parte e con la Basilica di San Giovanni in Laterano dall’altra, e il famoso “Stradone” è da sempre l’antica via che congiunge il centro storico della città con la cattedrale della diocesi di Roma. San Giovanni in Laterano è la prima delle quattro basiliche papali maggiori e la più antica e importante basilica d’Occidente. Su questo colle troviamo tante altre piccole chicche di storia e cultura; come la Basilica di San Clemente, monumento unico e rappresentanza importante per la storia dell’arte data la ricchezza di elementi architettonici, artistici e storici, comprendenti l’arco di vita di quasi tutta l’era cristiana. Il complesso riveste una grande importanza perché si trova al di sopra di antichi edifici interrati per due livelli di profondità, il più antico dei quali risale al I secolo d.C.
Queste sovrapposizioni, sono avvenute in modo particolarmente evidente in virtù delle notevoli sedimentazioni dovute alla posizione (la valle tra i colli Esquilino e Celio) ed a particolari avvenimenti storici (l’incendio neroniano, il saccheggio di Roberto il Guiscardo).

Altri gioielli di architettura sono la poco conosciuta Basilica di Santo Stefano Rotondo: un luogo di culto cattolico del V secolo a pianta circolare o il grande ninfeo scenografico che Nerone fece edificare addossato alla parete nord-orientale del podio del tempio del Divo Claudio sul Celio nel corso dell’edificazione della Domus Aurea.
Nel cuore del Celio, a pochi passi dal Ludus Magnus, troviamo uno dei locali storici di Roma: Luzzi. Non solo un’ottima pizzeria, ma soprattutto un ristorante caratteristico dove mangiare un’ottima amatriciana, favolosi saltimbocca, uno squisito tiramisù…sotto l’occhio vigile del sempre presente proprietario che dirige comande e camerieri alla romana!